Sottopassaggio di piazza Garibaldi, Strada Comune e Potere al Popolo: "I veri sprechi sono le occasioni perdute"

corso Cavour Macerata 3' di lettura 03/02/2021 - A seguito di alcuni incidenti avvenuti nei giorni scorsi si è innescato un grande dibattito sull’attraversamento di Piazza Garibaldi e ne è seguita anche "l’uscita" progettuale dell’assessore all’Urbanistica Iommi.

Qual è il problema di fondo da affrontare? Molte persone preferiscono attraversare Piazza Garibaldi senza usare il sottopassaggio, mettendo in pericolo sé stesse e creando intralcio al traffico. Altri invece sono costretti ad attraversare a causa di difficoltà motorie o perché devono trasportare carrozzine e passeggini. Allo stato attuale, chi attraversa la strada potendo utilizzare il sottopassaggio non può chiamarsi ragione. Ma lo stato attuale è quello di 50 anni fa, quando i ragionamenti su accessibilità e diritti alla mobilità non erano immaginabili.

Ecco perché sono stati creati i sottopassaggi: perché in quella cultura le auto non potevano conoscere ostacoli e i pedoni dovevano “imbucarsi” per passare in sicurezza. La trovata dell’assessore Iommi rientra perfettamente in quella cultura: c’è un problema per disabili e genitori con passeggino? Facciamo degli ascensori per portarli su e giù nel sottopassaggio, e tutto si risolve. In realtà così facendo si spende tanto e si risolve poco perchè ci saranno sempre persone disposte ad attraversare la strada, e il problema della sicurezza rimarrà.

Perché rimane irrisolta la questione non affrontata in questo dibattito, ossia il diritto di tutti a poter accedere ai luoghi della città in modo comodo e sicuro. Le persone che ora attraversano sulla strada sbagliano, ma esprimono una giusta esigenza. Si dice sempre che Corso Cavour è parte integrante del centro storico. In quale centro storico le persone sono costrette a imbucarsi in un sottopassaggio? Si dice che il centro storico è difficilmente raggiungibile: allora perché non si rende comodo e piacevole il passaggio e il passeggio da Corso Cavour ai Cancelli? Una città che si vuole professare moderna e accogliente può tollerare che uno dei suoi principali assi commerciali, dove ci sono anche scuole e sedi universitarie, sia ridotto a una piuttosto squallida strada di scorrimento?

Macerata può essere in grado di uscire dalla nicchia in cui è precipitata negli ultimi decenni se non esprime una cultura progettuale innovativa? Che non parli solo al passato, di ascensori per pedoni, di auto, che non concepisca le persone come padrone degli spazi?

Abbiamo potuto apprezzare un’idea elaborata dal GAM, Giovani Architetti Maceratesi, in merito a Piazza Garibaldi: manifesta una visione, esprime freschezza e cultura dei diritti, da lì si potrebbe partire per fare un progetto. Il PUMS, Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, approvato all’inizio del 2020, costato molti soldi, criticabile sotto molti aspetti, contiene però proposte e soprattutto dati per ragionare in modo ponderato. Per Corso Cavour viene prospettata la riduzione delle corsie per le auto, la creazione di maggiori spazi per i pedoni, per le attività commerciali, per il verde, la realizzazione di una vera continuità pedonale verso il centro storico. Perché non ragionare su idee come queste, piuttosto che rimanere incatenati a mentalità di mezzo secolo fa?

Abbiamo presentato una interrogazione su come verranno spesi 1 milione di euro che il Comune deve utilizzare entro il 2021 in base a un finanziamento a fondo perduto della Regione Marche, destinato alla mobilità sostenibile. Magari può essere l’occasione proprio per risolvere questi problemi: la risposta dell’Assessore Marchiori, evasiva al limite dell’omertà, ha invece solo permesso di capire che l'attuale Giunta non farà ciò che aveva progettato la precedente amministrazione, per il resto il vuoto cosmico.

Questi sono i veri sprechi, le occasioni perdute. La nostra città purtroppo continua a navigare in questo vuoto cosmico nella triste attesa del prossimo incidente (ma gli incidenti, lo dice la parola, dovrebbero essere frutto di casualità, e non è questo il caso).

Firmato da:
Camilla Murray - Strada Comune, Irene Giacchetta - Potere al Popolo






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-02-2021 alle 12:49 sul giornale del 04 febbraio 2021 - 195 letture

In questo articolo si parla di macerata, spettacoli, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bMnM





logoEV
logoEV
logoEV