Prestazione da record ai campionati italiani indoor di Giulia Perugini: bene anche gli altri maceratesi

3' di lettura 20/03/2021 - Una seconda giornata ricca di successi per gli atleti delle Marche ad Ancona, nei Campionati italiani master indoor.

Arrivano infatti altri 11 ori ma anche 8 argenti e 9 bronzi: 28 medaglie che si aggiungono alle 15 già conquistate.

Nel salto in alto l’intramontabile Giulia Perugini (Sef Macerata, nella foto sopra), classe 1936, festeggia il suo ennesimo titolo e la nuova migliore prestazione italiana SF85 con la misura di 0.85.

Sui 3000 metri esultano Luigi Del Buono (Sef Stamura Ancona, SM40), Chiara Capezzone (Atl. Fabriano, SM35) e la jesina Simona Santini (Atl. Amatori Osimo, SF40), ex azzurra del mezzofondo. Ancora vincente sui 200 metri l’elpidiense Livio Bugiardini (Sef Macerata, SM70, nella foto sotto) e sulla stessa distanza si prendono il tricolore anche Emanuela Stacchietti (Sef Macerata, SF60) e Anna Di Chiara (Nuova Atl. Sangiustese, SF75).

Tre vittorie anche nel getto del peso, con Giuseppe Miccoli (Atl. Alma Juventus Fano, SM80), Lina Frontini (Atl. Osimo, SF60) e Rosanna Grufi (Sef Macerata, SF65), invece nell’alto al maschile è d’oro Paolo Marconi (Grottini Team Recanati, SM65). A nobilitare l’evento, il record europeo della triestina Nives Fozzer nel getto del peso W90 con 5,35. Nata nel 1930 e portacolori della Nuova Atletica dal Friuli, è la meno giovane dell’intera manifestazione con 91 anni compiuti il 14 gennaio. Nello scorso weekend ha vinto quattro titoli alla rassegna invernale di lanci a Viterbo e anche stavolta ha voluto esserci. Inesauribile la sua passione, che l’ha portata alla fine degli anni Cinquanta a diventare la prima atleta della sua regione capace di correre i 400 metri in meno di un minuto con 59.7. Rimane in Italia questo record, superando il 4,73 ottenuto con l’attrezzo da 2 chilogrammi nel 2008 (il 18 marzo di quell’anno ai Mondiali master indoor di Clermont-Ferrand, in Francia) da una delle figure più rappresentative dell’atletica azzurra: Gabre Gabric, capostipite della dinastia Calvesi-Ottoz. In ogni lancio viene oltrepassato il precedente limite: dopo aver iniziato con 4,95 cresce a 5,23 e 5,32, poi 5,18 e 5,29 per chiudere con la misura più lunga al sesto e ultimo tentativo.

Curiosità: presente in pedana nello stesso momento anche Lyana Calvesi (Atl. Sandro Calvesi), figlia di Gabre Gabric, che si piazza seconda nella gara SF75 con 5,53. Complessivamente nel “day 2” arrivano otto migliori prestazioni nazionali. Sui 3000 metri SM50 entusiasmante la cavalcata solitaria di Said Boudalia (Atl. Trichiana): ancora un record di categoria in 8:56.55 per il marocchino di nascita, ma ormai italiano a tutti gli effetti e residente nel Bellunese, togliendo quasi un secondo al crono di 8:57.35 realizzato tre settimane fa a Padova.

Anche nel triplo SM70 c’è da aggiornare un recente primato: il bresciano Crescenzio Marchetti (Atl. Biotekna Marcon), con 10,67 al secondo, 10,62 al quinto e poi 10,72 al sesto e ultimo turno, mette a segno tre salti sopra il 10,61 ottenuto a fine febbraio. Dopo 31 anni viene battuto il limite dei 200 SM75 e ci riesce Aldo Del Rio (Road Runners Club Milano) in 30.06, meglio del 30.63 di Giuseppe Marabotti nel 1990. Nel triplo il trevigiano Giorgio Bortolozzi (Olimpia Amatori Rimini) rientra con il primato SM80 di 8,04 mentre al femminile Maria Grazia Rafti (Liberatletica Roma) si prende quello SF70 atterrando a 8,14. Nell’alto Alberto Sofia (Cus Bari) lo eguaglia tra gli SM80 con 1,15.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-03-2021 alle 10:01 sul giornale del 22 marzo 2021 - 221 letture

In questo articolo si parla di sport, atletica, macerata, fidal marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bTAh





logoEV
logoEV