SIMEST: contributi a fondo perduto fino al 50% per l’internazionalizzazione delle imprese

2' di lettura 30/04/2021 - Ottime notizie per le aziende che vogliono investire per aumentare l’export aziendale.

Il Governo ha stanziato 1.55 miliardi di euro per l’anno 2021 al fine di diffondere il Made in Italy all’estero, con contributi a fondo perduto che possono raggiungere il 50% del totale dell’investimento e finanziamenti a tasso zero per la restante parte. La ricezione delle domande riparte dal 3 giugno 2021.

Il ruolo di SIMEST
Le risorse stanziate dalla Legge di Bilancio 2021 per l’internazionalizzazione delle imprese italiane sono destinate al fondo 394/81, il cui utilizzo viene gestito da SIMEST, società del Gruppo Cassa Depositi e Prestiti, che supporta da decenni lo sviluppo delle imprese italiane all’estero. Il fondo 394/81 è divenuto sicuramente uno degli strumenti più importanti a disposizione delle aziende per uscire dalla crisi economica, offrendo diversi strumenti per poter garantire la liquidità necessaria alle imprese che vogliono investire oltre confine.

Le agevolazioni
SIMEST eroga i fondi a disposizione attraverso l’attuazione di 7 differenti misure:
• Patrimonializzazione delle PMI esportatrici
• Partecipare a Fiere Internazionali, Mostre e Missioni di Sistema
• Inserimento Mercati Esteri
• Temporary Export Manager
• E-Commerce
• Studi di Fattibilità
• Programmi di Assistenza Tecnica

Le caratteristiche principali delle misure sono le seguenti:
- Finanziamento totale del progetto a tasso zero e relativo cofinanziamento a fondo perduto fino al 50%;
- Finanziabili anche i progetti all’interno dell’Unione Europea;
- Il fondo perduto non intacca la capienza del de-minimis, grazie all’utilizzo del Temporary Framework, e non concorre alla formazione della base imponibile ai fini delle imposte sui redditi e dell'Irap;
- Esenzione della garanzia sul finanziamento, che accorcia di molto i tempi di istruttoria;
- Possibilità di presentare più domande contemporaneamente.

Lo studio Tecnodata di Matelica (MC), grazie alla sua esperienza trentennale nel settore, offre assistenza nella predisposizione e presentazione della domanda, seguendo ogni passo dell’iter fino all’erogazione del contributo. Lo sportello per presentare le domande di finanziamento aprirà il prossimo 3 giugno: un’occasione da non perdere per le tante imprese del maceratese che vogliono esportare i propri prodotti e servizi nel mondo.

È possibile prenotare un colloquio gratuito per avere maggiori informazioni e per valutare insieme la strategia migliore al fine di massimizzare le agevolazioni. Scrivici a amministrazione@studiotecnodata.it o chiamaci al 345-8700405.


da Tecnodata
amministrazione@studiotecnodata.it





Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 30-04-2021 alle 13:21 sul giornale del 03 maggio 2021 - 639 letture

In questo articolo si parla di economia, imprese, matelica, pubbliredazionale, bandi, contributi a fondo perduto, tecnodata, simest, export aziendale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b1jW