contatore accessi free

Fondi da Regione e fondazione Carima per gli archivi storici nelle aree del sisma

giorgia latini 3' di lettura 03/06/2021 - La Regione Marche e la Fondazione Carima hanno deciso di rinnovare l’impegno assunto nel biennio 2019/2020 con la sottoscrizione del Protocollo di intesa relativo agli archivi storici pubblici in area sisma, dandogli prosecuzione nel 2021 secondo le modalità sperimentate con successo.

Pertanto, a partire dal 7 giugno fino al 30 settembre prossimo, le amministrazioni comunali ricadenti nel cosiddetto “cratere sismico” potranno presentare proposte progettuali finalizzate alla realizzazione di interventi di tutela e valorizzazione dei propri archivi storici, che prevedano attività di messa in sicurezza, riordino, inventariazione, catalogazione, informatizzazione e digitalizzazione.

Visto il buon esito conseguito dall’iniziativa, grazie alla quale sono stati finanziati 6 progetti in due anni per complessivi 60.000 euro (Castelsantangelo sul Nera, Matelica, Monte San Martino, San Ginesio, Sarnano e Ussita), i due enti hanno raddoppiato anche lo sforzo di natura economica mettendo a disposizione ulteriori 60.000 euro per l’anno corrente. Le domande, che dovranno essere inviate alla Fondazione Carima, verranno esaminate da una commissione di valutazione congiunta e quelle accolte, previa autorizzazione del progetto da parte della Soprintendenza archivistica e bibliografica di Umbria e Marche, riceveranno un contributo complessivo massimo di euro 10.000 ciascuna.

La Regione Marche e la Fondazione Carima hanno messo a fattor comune le rispettive esperienze, competenze e risorse finanziarie sul tema degli archivi storici, in continuità con quanto già realizzato nell’ambito delle proprie programmazioni, avviando una collaborazione finalizzata ad attivare azioni sinergiche per il recupero della memoria delle comunità locali attraverso l’utilizzo di criteri metodologici e programmi coordinati di intervento. Il terremoto, oltre ad aver arrecato danni materiali ed economici al territorio maceratese, ha messo in pericolo l’integrità fisica degli archivi correnti e storici dei Comuni colpiti, rendendo inaccessibili materiali riferiti alla loro storia e alla cultura locale, che sono di primaria importanza per ristabilire il flusso della continuità e sostenere la rinascita di quest’area, che non deve essere intesa solo dal punto di vista fisico ma altresì antropologico, storico e culturale.

"La Regione Marche – ha affermato l’Assessore alla Cultura Giorgia Latini – sostiene con convinzione questa iniziativa in quanto gli archivi costituiscono giacimenti culturali e fonti dirette della memoria del territorio, di primaria importanza sia per fini identitari che per una compiuta riflessione a supporto della ricostruzione. A conferma di tale importante impegno la Regione Marche quest’anno ha raddoppiato le risorse disponibili per l’avviso 2021".

"La Fondazione Carima – spiega la Presidente Rosaria Del Balzo Ruiti – ha accolto positivamente la proposta della Regione Marche di dare seguito al Protocollo per un'altra annualità, sia per poter sostenere nuovi progetti sia per portare a termine quelli avviati sinora ma non ultimati, trattandosi spesso di interventi onerosi. Gli anni che ci separano da terremoto del 2016 passano, ma purtroppo persistono tante criticità. Salvaguardare la memoria delle comunità colpite dal sisma assume dunque un ruolo ancora più cruciale nella ricostruzione e nel rilancio di questi luoghi".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-06-2021 alle 15:02 sul giornale del 04 giugno 2021 - 261 letture

In questo articolo si parla di cultura, fondazione carima, fondazione macerata, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/b5Gs





logoEV
logoEV


Cookie Policy