contatore accessi free

Ridisegnare il centro storico di Tolentino

3' di lettura 12/08/2021 - Il centro storico è la nostra storia, cultura, tradizione come dire il nostro cuore e se sappiamo ascoltare sentiremo il battito del cuore che soffre. Ma non tutti sanno ascoltare, o non vogliono ascoltare, e ci chiediamo ”i nostri amministratori sanno ascoltare?”

Atteggiamento che riscontriamo da quanto si sta realizzando e programmando senza soluzione di continuità, senza una visione in proiezione futura, per la mancanza di iniziative progettuali e programmatiche funzionali, omogenee, ancor più messe in evidenza con il periodo post-sisma, e l’emergenza sanitaria. Da qui è inevitabile il suo declino. Declino che ha origini remote e fino ai giorni nostri, segnate da un’unica direttrice con scelte urbanistiche e sociali anacronistiche, con delocalizzazioni dei servizi, svuotamento di funzioni sociali e culturali, mancanza di manutenzioni e sono solo alcune ma importanti cause della perdita di appeal della città storica. Spesso, anzi molte volte ai cittadini capita di leggere articoli, proclami come “stiamo cercando di rendere bello il centro storico” a questo, rispondiamo che il centro storico non deve essere reso bello, è anacronistico, in materia di Urbanistica è un termine non corretto.

Il centro storico deve essere funzionale, riorganizzato, curato, vivibile, tenuto in sicurezza e pulito. Il discorso riguarda di riflesso i quartieri periferici e l’intera città, là dove un centro storico è in difficoltà tutti i cittadini e la città ne subiscono gli aspetti negativi…. A noi sembra, che tutti prima o poi arrivano a frequentare o visitare il centro storico, quindi che si fa? Da sempre, ogni anno si inizia a parlare di “centro storico“ vengono dette cose, fatte promesse, annunciati progetti, ma con pochi risultati. Solo oggi, forse, si ha una piccola certezza che si possa avere una speranza e finalmente riuscire a fare qualcosa, grazie all’arrivo come comunicato dei 47 milioni di Euro legati al PSR - Programma Straordinario per la Ricostruzione, ma senza questa opportunità che sarebbe successo?

Avremmo dovuto aspettare ancora e per quanti anni? Noi crediamo anzi siamo certi che si debba attuare una politica nuova di conservazione e valorizzazione del nostro patrimonio artistico, storico, culturale, pubblico e privato, delle tradizioni e dell’impianto arboreo, perché questo vuol dire parlare di economia: ”Conservarlo bene e averne cura, vuol dire fare economia.”

Di alcuni giorni fa due articoli su quotidiani dei residenti del centro: di Via 1^ Maggio e via Stretta, i quali hanno inviato all’Amministrazione, lettere di protesta per le condizioni di sicurezza e igiene, riscontrate negli ambiti. Registriamo inoltre la forte preoccupazione dei residenti in Pizza Cavour alla notizia che verranno a breve realizzati i lavori di manutenzione della piazza. Tutte problematiche già presentate dal Comitato e in diversi periodi, fin dal 1995 ad oggi. Noi del comitato sostenuti dai residenti, dai cittadini, da sempre chiediamo la disponibilità per un confronto, abbiamo idee, proposte, abbiamo soluzioni da presentare, come ampiamente dimostrato dalle varie pubblicazioni sulla nostra pagina Facebook, ma ci è concessa poca considerazione.

Per questo non ci piace che ci venga detto che facciamo parte della categoria delle persone che parlano a sproposito e che poi ci perdiamo in critiche sterili senza avere soluzioni, alle problematiche del nostro centro, ecc. Abbiamo già risposto, ora è giunto il momento che ci ascoltino. Il centro storico è di tutti i residenti, i cittadini, i commercianti e i frequentatori, quindi è un bene comune, soprattutto da chi ci abita o lavora, quindi vogliamo dire la nostra e partecipare attivamente alla programmazione e progettazione, forse chiediamo troppo? A quanto pare per qualcuno si!


   

da Comitato Residenti
      Centro Storico 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-08-2021 alle 12:50 sul giornale del 13 agosto 2021 - 290 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/ceAt





logoEV
logoEV