Il turismo nelle Marche e nel centro Italia, Treia protagonista della Borsa Mula

2' di lettura 26/10/2021 - Sono terminati i fine settimana di promozione del turismo del centro Italia attraverso la Borsa MULA che vuole trasmettere i valori, la cultura, le eccellenze e le bellezze di Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo e proprio questo ha fatto in queste ultime settimane con tante iniziative.

Una grande occasione, dunque, per studiare le strategie di ripartenza del turismo nelle Marche. Gli operatori locali hanno incontrati quelli stranieri per aiutare la Marche a uscire dalla crisi post pandemia. Un confronto diretto e reale all’interno dello splendido teatro di Treia che ha ospitato “salotti” di confronto all’interno dei propri palchetti. Un incontro reale, faccia a faccia, tra buyers e sellers, acquirenti e compratori, con l’obiettivo di valorizzare un centro Italia fatto di piccoli borghi e realtà, promuovendo attività legate all’outdoor, all’artigianato e alla cultura.

"Gli operatori dell’incoming lavorano costantemente per la promozione di queste aree interne che hanno sofferto la crisi del terremoto prima, ed oggi soffrono quella della pandemia – spiega Federico Scaramucci, presidente di Inside Marche Live – Lavoriamo per avere nuove opportunità occupazionali, per combattere lo spopolamento mantenendo l'autenticità dei luoghi. Un turismo a misura di uomo che guarda l’esperienza e la qualità della vita. Le Marche sono state molto gettonate nel 2021 e l’occupazione delle strutture ricettive è stata maggiore rispetto al resto d’Italia. Dobbiamo però lavorare per mantenere questo trend e farci conoscere sempre di più".

Alcuni dei buyer esteri (realtà interessate al prodotto Marche per venderlo nel proprio paese proponendo viaggi nelle nostre zone), hanno confermato la poca conoscenza della nostra regione che però, nel momento in cui viene visitata, viene molto apprezzata. Fondamentale un lavoro in sinergia ed una comunicazione costante e coordinata, oltre ad un confronto con gli operatori del settore dei viaggi organizzati nazionali e internazionali che giocano un ruolo importante nel nostro territorio. Il progetto contribuisce in tal modo all’obiettivo generale di rilanciare l’economia dei territori colpiti dal sisma e poi dalla pandemia, grazie anche a questo evento annuale che permette un incontro concreto tra offerta (dei nostri territori) e domanda da parte di agenti esteri molto interessati al nostro territorio. Gli operatori dell’incoming delle Marche sono da tempo al lavoro per un rilancio strategico delle nostre terre, convinti che farle vedere e vivere sia la migliore carta da giocare: tutti restano affascinati dal nostro territorio e dalle numerose attività che offre. L’obiettivo è uno sviluppo economico ed occupazionale delle strutture dell’accoglienza, della ristorazione, dell’agro-alimentare.

Dagli incontri e dai confronti è emerso (ancora una volta) che sarà importante investire correttamente i fondi del PNRR per migliorare le strutture ricettive, ma anche in formazione e informazione per chi nel turismo ci lavora, con una maggiore digitalizzazione dell’offerta commerciale e turistica.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-10-2021 alle 16:24 sul giornale del 27 ottobre 2021 - 230 letture

In questo articolo si parla di attualità, treia, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cqA8





logoEV
logoEV