contatore accessi free

Elementi di cino-criminalità, presentato a Tolentino il volume sui cani poliziotto

3' di lettura 26/12/2021 - Oltre ad essere il miglior amico dell’uomo, il cane ricopre da sempre un ruolo di primo piano nel panorama di sostegno all’attività delle Forze dell’Ordine in vari settori, dal soccorso a persona, all’individuazione sostanze sospette stupefacenti ed esplosive, ma anche per quanto riguarda l’attività forense. Inoltre, considerato il periodo che si sta attraversando per la pandemia in corso, si stanno studiando anche possibili impieghi del cane nella identificazione di patologie come i tumori e nella individuazione del Sars-CoV-2 .

Il profilo più noto del cane poliziotto è quello di Rex, noto per la serie televisiva omonima dove il Pastore Tedesco ha un ruolo principalmente più d’azione, ma il contributo che gli appositi esemplari addestrati appositamente possono dare a diversi tipi di indagini, è stato trattato e approfondito da uno studio che ha portato alla pubblicazione del volume dal titolo “Elementi di cino-criminalistica” edito dalla A. Crepaldi. Autori della pubblicazione sono stati Lorenzo Ceglie (maresciallo maggiore dei Carabinieri) l’etologa Giusy Mazzalupi, docente e ricercatrice universitaria di Fiuminata, con i contributi specifici di Davide Bomben sull’impiego delle Unità cinofile nella lotta al bracconaggio e di Maria Sofia Petrelli sulla Zoomafia.

Il volume è stato presentato nei giorni scorsi a Tolentino in un incontro che ha riscosso una grande interesse ed a cui hanno partecipato il sindaco Giuseppe Pezzanesi e l’assessore alla cultura Silvia Tatò. Hanno illustrato il contenuto: il dottor Giuseppe Losito, già ufficiale dei Carabinieri e la Prof.ssa di Medicina legale di Unicam Giovanna Ricci, oltre agli autori autori. La pubblicazione rappresenta una novità assoluta nel panorama nazionale sulla trattazione organica della tematica relativa all’impiego del cane, opportunamente addestrato e condotto, che grazie all’olfatto risulterà di estrema utilità nel ritrovamento di persone scomparse, resti cadaverici e ricerca di sostanze stupefacenti ed esplosivi.

Attraverso il Mantrailing il cane individua una traccia, una pista, una scia e riesce a seguirne il percorso. Attualmente l’Odologia forense del cane ha un ruolo fondamentale in diversi ambiti di indagine come piromania, ricerca materiale informatico ed elettronico, ricerca di evasi, di banconote e tabacchi, armi e lotta al bracconaggio. Le tecniche investigative con l’impiego di unità cinofile prevedono nuove modalità di indagine per la individuazione di casistiche di reato. Oltre al reperimento della prova si evidenzia l’aspetto fondamentale per gli operatori del diritto che è quello dell’utilizzo in giudizio dell’accertamento acquisito tramite l’impiego del cane. Questo lavoro, originale ed organico, può risultare estremamente utile per fare chiarezza circa le basi e l’impostazione di un’attività svolta troppo spesso in modo improprio e che rischia di non sortire risultati concreti e soddisfacenti.

Esso è frutto di un intenso lavoro di collaborazione virtuosa tra l’attività di ricerca universitaria svolta nell’ambito della scuola di Giurisprudenza di Unicam e quella di formazione teorica e sul campo che da tempo porta avanti CSEA, il Centro studi Etologia Applicata diretto dalla dott.ssa Giusy Mazzalupi. A questo proposito è opportuno annunciare alcune delle prossime iniziative programmate da CSEA in collaborazione con Unicam, che si terranno all’inizio del prossimo anno. Tra esse il ciclo di incontri su Criminologia e Criminalistica a partire da quello introduttivo già in calendario per sabato 22 gennaio prossimo che avrà come protagonista la Professoressa Isabella Merzagora, Ordinario di Criminologia presso l’Università degli studi di Milano e Presidente della Società Italiana di Criminologia. Infine il nuovo corso di “Detection Dog" che costituirà un primo livello di formazione per operatori di Mantrailing impiegabili in attività di carattere forense.








Questo è un articolo pubblicato il 26-12-2021 alle 18:23 sul giornale del 27 dicembre 2021 - 134 letture

In questo articolo si parla di attualità, tolentino, fiuminata, angelo ubaldi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cB1F





qrcode