contatore accessi free

“Alto Adriatico nel 20° secolo: un confine complesso”: incontro nel Giorno del Ricordo con l'ANPI Macerata

anpi 2' di lettura 04/02/2022 - Martedì 8 febbraio alle 21 la Sezione ANPI di Macerata proporrà un momento di approfondimento e riflessione in occasione del Giorno del Ricordo: “Alto Adriatico nel 20° secolo: un confine complesso”. Introduce Matteo Petracci (ANPI Macerata) a seguire interventi di Piero Purich e Lorenzo Filipaz. L’iniziativa si svolgerà in diretta Facebook sulla pagina ANPI Macerata.

Piero Purich, storico, nato a Trieste, ha conseguito il PhD all'Università di Klagenfurt (Austria). E' autore di diversi libri, tra i quali "Metamorfosi etniche. I cambiamenti di popolazione a Trieste, Gorizia, Fiume e in Istria 1914-1975", "La farina dei partigiani" e ha creato lo spettacolo teatrale "Rifiuto la guerra. Pacifisti, renitenti, disertori, ammutinati: la grande guerra dalla parte di chi cercò di evitarla". Ha scritto articoli per numerose riviste, tra le quali Internazionale e Limes. E' collaboratore di Giap, blog della Wu Ming Foundation. Lorenzo Filipaz, discendente di profughi istriani, critico verso la retorica revanscista nei confronti dell'Adriatico orientale, autore di alcuni articoli sull’argomento usciti su Giap, blog della Wu Ming Foundation. In collaborazione con il gruppo indipendente di ricerca Nicoletta Bourbaki, si è occupato anche di narrazione storica nelle voci di wikipedia. Le sue riflessioni hanno trovato spazio nella rivista Zapruder.

Ci sono tanti modi di combattere i neofascismi, uno è smontare scientificamente con gli strumenti della ricerca storica qualcuna delle tante “narrazioni tossiche”, ad esempio sulle foibe e sulla questione del confine orientale. Combattere i neofascismi è questione sempre attuale, soprattutto nella nostra comunità maceratese dove, a quattro anni dall’attentato terroristico di matrice razzista perpetrato da un fascista dichiarato, che ha ferito sei persone e terrorizzato l’intera città, c’è nonostante tutto ancora chi vuole rimuovere il ricordo dell’accaduto, minimizzarlo come “gesto isolato di un folle” o peggio ancora trovare improbabili e impossibili giustificazioni.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-02-2022 alle 22:35 sul giornale del 05 febbraio 2022 - 137 letture

In questo articolo si parla di cultura, macerata, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cJQy





logoEV
logoEV
qrcode