contatore accessi free

Moda e Covid: "La ripresa passa dall'internazionalizzazione"

2' di lettura 04/02/2022 - Il settore moda resta al palo del Covid? Sì e no. Il made in Italy sta registrando diversi segnali di ripartenza, a paragone con il 2020, ma il comparto non ha ancora raggiunto i livelli pre-pandemia. Le prospettive sono pertanto in miglioramento, dato che le riaperture dei mercati stanno giovando alle esportazioni e incoraggiando le aziende a rilanciare sull’internazionalizzazione.

È pur vero, però, che la crisi ha origini profonde, come ammette Moira Amaranti, presidente nazionale della Calzatura di Confartigianato Imprese. “La pandemia ha cronicizzato uno stato di malessere che già incideva negativamente sul nostro distretto - le sue parole - andando ulteriormente a penalizzare le imprese sui mercati. Il tanto atteso reshoring, cioè la rilocalizzazione in Italia delle produzioni industriali, non è di fatto mai concretamente avvenuto e le limitazioni Covid hanno scoraggiato ancora di più il rientro. Mancano, del resto, delle normative che possano convincere le imprese a riportare la produzione in Italia. Nell’incertezza più generale, i recenti rincari energetici ci hanno inferto il colpo più duro. I nostri dati parlano di costi più che quadruplicati, che ricadono a cascata sul prezzo delle materie prime. Insomma, un insieme di cause che danneggiano la manifattura nazionale. Così, le aziende che operano con un prodotto di alta gamma difficilmente riescono ora a fare magazzino ed essere rapide nel rispondere alle richieste del mercato. Ma non ci sono solo criticità nel sistema: il 2021 è stato anche un anno positivo sotto altre prospettive, tra le quali ricordo quella della digitalizzazione, del marketing d’impresa e dei nuovi canali distributivi”.

Analizza l’andamento dei mercati Paolo Capponi, responsabile export Confartigianato Macerata-Ascoli Piceno-Fermo. “Siamo indietro rispetto al 2019 – le riflessioni di Capponi – ma siamo convinti che la ripresa possa ancora passare attraverso l’internazionalizzazione. La ripartenza di molte fiere in presenza ha giovato agli ordini, tanto che la bilancia delle esportazioni tra i primi tre trimestri 2020-2021 ci riporta in netta crescita. Ricordo poi che ci sono ottime opportunità per i nostri imprenditori riguardo all’export, come il bando Fiere articolato della Regione Marche di concerto con la Camera di Commercio delle Marche, così come gli altri programmi sempre più strutturati a misura delle imprese (organizzazione di fiere, bandi, progetti sull’innovazione e di promozione... ecc.). Un plauso quindi agli enti vicini agli imprenditori che, in un periodo così difficile, stanno veramente dando alle aziende degli strumenti importanti per essere sempre più competitivi nei mercati mondiali e non solo. Ci auguriamo, allora, che il 2022 sia l’anno della ripresa e delle opportunità per i nostri imprenditori, ricchezza e vanto dei territori”.


dalla Confartigianato imprese Ascoli Piceno - Fermo - Macerata



Confartigianato imprese Ascoli Piceno - Fermo - Macerata


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-02-2022 alle 11:29 sul giornale del 05 febbraio 2022 - 135 letture

In questo articolo si parla di economia, comunicato stampa, Confartigianato imprese Ascoli Piceno - Fermo - Macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cJCi





logoEV
logoEV
qrcode