Ospedale di Macerata: Fondazione Carima dona più di 600mila euro per una nuova risonanza magnetica

2' di lettura 31/03/2022 - Una nuova Risonanza Magnetica avanzata e di ultima generazione in grado di dare un valido contributo nello studio del sistema nervoso centrale, che aumenta l’accuratezza diagnostica nelle mammografie, in ambito addominale, urologico e cardiaco è da oggi in dotazione all’Ospedale di Macerata grazie alla donazione della Fondazione della Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata e all’incessante sostegno della stessa fondazione e della sua Presidente.

“Questa amministrazione regionale – ha detto l’Assessore alla Sanità Filippo Saltamartini – ha avviato un percorso di forte innovazione nella strumentazione diagnostica. Puntiamo a rinnovare tutto il parco macchine obsoleto per raggiungere l’eccellenza diagnostica durante il nostro mandato. E come sempre il nostro ringraziamento va a chi dona impegnandosi per il bene comune: quanto realizzato a Macerata è un fatto estremamente importante perché avvicina i cittadini alla pubblica amministrazione, grazie a uno stretto connubio tra pubblico e privato, in un settore vitale come quello della sanità”.

Si tratta di una RM MAGNETON SOLA che è stata ulteriormente arricchita con bobina mammella a 7 canali per biopsia e diagnostica a 16 canali utile alla breast unit, bobina arti inferiori a 16 canali per studi vascolari e corpo intero (whole body) per oncologia, pacchetto software avanzato cardio di ausilio al settore cardiologico, pacchetto software neuro avanzato per ictus (stroke unit) e centro sclerosi multipla, consolle di post-elaborazione. Il tomografo precedentemente in dotazione, sostituito dopo 26 anni di attività, era obsoleto e non più adeguato alle attuali necessità diagnostiche.

La donazione della Fondazione Carima ammonta a 603.764 euro, il costo complessivo della RM di 689.744 euro, più 46.614 euro per gli accessori di potenziamento. Per ospitare l’apparecchiatura sono stati costruiti dei nuovi locali, per 126 mq, come ampliamento del reparto di radiologia dell’Ospedale di Macerata, situato al piano terra della parte vecchia del Presidio. Si tratta di una struttura schermata antisismica all’avanguardia per livello tecnologico e impiantistico.

Trattandosi di un ampliamento, i lavori non hanno richiesto sospensione dell’attività. L’importo necessario è stato di circa 634 mila euro più spese tecniche. “Con gli investimenti del Pnrr pari a 27 milioni per le macchine elettromedicali e con la solidarietà e il sostegno dei privati – conclude Saltamartini – daremo una risposta anche al problema delle liste di attesa per esami diagnostici e strumentali, uno degli impegni che abbiamo assunto con i cittadini marchigiani. Macerata è centro di riferimento per gli screening della provincia, per fare un esempio qui afferiscono le pazienti dello screening senologico dell’Area Vasta 3 che necessitano di un completamento diagnostico: in questo ospedale vengono operate circa 300 neoplasie l’anno, è uno dei più attivi della Regione, un modello di benchmark".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-03-2022 alle 17:10 sul giornale del 01 aprile 2022 - 146 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, ospedale di macerata, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cWDb





logoEV
logoEV