A Palazzo Buonaccorsi, “Il Mosaico del Mondo” di Maurizio Galimberti

2' di lettura 07/07/2022 - “Il Mosaico del Mondo”: è questo il titolo della mostra – ospitata, da ieri, dai Musei Civici di Palazzo Buonaccorsi – dedicata agli scatti del fotografo Maurizio Galimberti. Frutto della collaborazione tra l’Assessorato alla Cultura del Comune di Macerata e l’Associazione Fotografica Effetto Ghergo di Montefano, l’esposizione, visitabile fino al 4 settembre, propone una selezione di opere provenienti da una collezione privata: 21 sono i ritratti – tra cui quelli di Tonino Guerra, Tinto Brass, Michelangelo Pistoletto, Sebastião Salgado, Mimmo Rotella, Mario Giacomelli e i critici d’arte Oliva/Eccher -, diverse le immagini della collezione “Paris 2019”.

“Ho trascorso una parte della mia infanzia in un orfanotrofio. Non ho mai fatto mistero di questa vicenda perché, nel bene e nel male, questa storia ha dato una direzione precisa alla mia vita”, spiega Maurizio Galimberti, che poi prosegue: “Ho avuto la fortuna di incontrare persone generose, come i miei genitori, e per quanto mi sarà possibile, vorrei restituire la stessa generosità che ho avuto in dono. È per questo che mi sono sempre dedicato a una fotografia capace di raccontare storie e di raccogliere emozioni. Ho sempre in mente, quando sviluppo i miei progetti, un’idea di fotografia magica, in grado di superare il tempo e di scavalcare qualsiasi barriera e di sapersi posizionare oltre i confini di genere, per unire le più diverse culture. Mi interessa una fotografia libera e diretta. Mi interessa costruire immagini che sappiano arrivare dritte al cuore delle persone”.

A curare la mostra è Denis Curti, che ha dedicato all’evento queste parole: “Negli anni ho avuto modo molto spesso di ragionare e soprattutto scrivere del lavoro di Maurizio Galimberti. Ai testi si sono aggiunte svariate mostre che ho avuto il piacere e l’onore di curare e questa selezione per Palazzo Buonaccorsi mi è particolarmente cara”.

I testi, appunto. Proprio in occasione dell’esposizione, sono stati presentati due volumi a essa strettamente legati: “Il Mosaico del Mondo – La Mia Vita Messa a Fuoco”, racconto biografico di Galimberti scritto a quattro mani con lo stesso Curti, e “Paris 2019”, il racconto di un viaggio a Parigi che il Maestro avrebbe voluto fare con suo padre Giorgio, scomparso poco prima di partire.


di Sara Schiarizza
redazione@viveremacerata.it





Questo è un articolo pubblicato il 07-07-2022 alle 12:20 sul giornale del 08 luglio 2022 - 120 letture

In questo articolo si parla di cultura, macerata, Galimberti, articolo, sara schiarizza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/deMu





logoEV
logoEV