Unimc: studenti di Giurisprudenza partecipano a una sfida internazionale

1' di lettura 21/09/2022 - Quattro studenti di Giurisprudenza dell’Università di Macerata hanno partecipato all’International Moot Court Competition su diritto e religione che quest’anno si è svolta a Cordoba in Spagna. Si tratta di una simulazione processuale che, oltre ad offrire un’esperienza di formazione professionale a livello internazionale, vede confrontarsi e competere tra loro studenti di diverse culture giuridiche.

Ilaria Campagna, Kay Dekoninck, Aikaterina Farsari e Rossella Marchese, accompagnati dalla docente Laura Vagni, hanno discusso in lingua inglese un caso riguardante il tema dell’impatto dell’uso di sistemi di sicurezza basati sull’intelligenza artificiale sulla libertà religiosa tutelata dall’articolo 9 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo. Il seminario di preparazione, che ha previsto la stesura del ricorso alla Corte Europea e della difesa dello Stato, è stato tenuto dai professori Fabrizio Marongiu Buonaiuti e Laura Vagni. La competizione ha coinvolto diverse Università italiane e straniere come quelle di Milano e Padova, la Bocconi, la statunitense Notre Dame University, la Complutense di Madrid, La Brigham Young University, sempre negli Usa - che si sono sfidate davanti a giudici di chiara fama, tra i quali Ann Power, già giudice della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, e Mark Emerton, giudice dell’Employment Tribunal of England and Wales.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-09-2022 alle 17:40 sul giornale del 22 settembre 2022 - 126 letture

In questo articolo si parla di cultura, università, macerata, università di macerata, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dret





logoEV