contatore accessi free

Val Potenza, il futuro in una strada: evento della Confindustria a Macerata

2' di lettura 18/01/2023 - Le infrastrutture sono la pre-condizione dello sviluppo di ogni territorio e rappresentano la premessa indispensabile, non solo per migliorare i collegamenti in termini di sicurezza per imprese, lavoratori e chi usa l’auto tutti i giorni, ma anche per attrarre investimenti extra-regionali in attività produttive, accogliere turisti durante tutto l’anno e non solo d’estate, migliorare la qualità della vita delle persone che vi risiedono e, non ultimo, offrire opportunità di lavoro soprattutto per i giovani.

Recentemente le associazioni di rappresentanza imprenditoriale delle categorie produttive regionali hanno realizzato un manifesto sulle infrastrutture come volano della crescita e della competitività della nostra Regione, inoltre è stato promosso dalla Camera di commercio delle Marche e redatto da Uniontrasporti “Il libro bianco delle infrastrutture”, un documento che ha lo scopo di sintetizzare le priorità indicate dal mondo associativo e imprenditoriale marchigiano su cui occorre intervenire con urgenza per superare la condizione di isolamento in cui verte il sistema territoriale regionale, ulteriormente enfatizzata dalla crisi in corso (legata alla pandemia e al conflitto in Ucraina). Una di queste opere considerate urgenti è il collegamento stradale della Valle del Potenza la cui accessibilità presenta infatti una situazione emergenziale dal punto di vista della viabilità, a fronte della valenza produttiva manifatturiera che rappresenta, un tessuto socio economico molto importante che crea il Pil della Regione.

Molte le novità previste per questa importante arteria: il Casello autostradale tra Porto Recanati e Porto Potenza Picena, il collegamento tra Macerata e Villa Potenza che si collega all’intervalliva Macerata-Sforzacosta e al nuovo ospedale cittadino, l’ampliamento del SP361 fino a Castelraimondo e all’intersezione con la Pedemontana delle Marche, nel tratto Matelica-Muccia.

Uniontrasporti (Società consortile in house della CCIAA) in collaborazione con l’Assessorato alle Infrastrutture della Regione Marche, in questo studio di valutazione degli impatti della possibile realizzazione del tratto infrastrutturale della Val Potenza, analizza scientificamente alcune variabili, economico sociali e ambientali, utilizzando vari indicatori chiave, tra cui la variazione del reddito dell’impresa, la stima delle variazione import/export, l’occupazione, le materie prime e le risorse naturali impiegate, assegnando al tutto un valore monetario comparabile. Aspetto interessante di questa metodologia di valutazione di impatto è anche lo spazio riservato alla valutazione di un approccio controfattuale: cosa accadrebbe, cioè, nel caso di mancata realizzazione dell’opera. Cna, Coldiretti Macerata, Confartigianato Imprese-Macerata, Confindustria Macerata e Confcommercio Marche Centrali su questo importante tema hanno organizzato, il prossimo 20 gennaio alle ore 16.00 presso il Teatro Lauro Rossi di Macerata, un incontro informativo dedicato a tale importante arteria del nostro territorio, coinvolgendo tutti gli attori politici, amministrativi e imprenditoriali che gravitano soprattutto sulla vallata del Potenza.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-01-2023 alle 12:40 sul giornale del 19 gennaio 2023 - 258 letture

In questo articolo si parla di economia, macerata, confindustria, confindustria macerata, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/dNJp





logoEV
qrcode