contatore accessi free

Digestore al Cosmari, in 150 per l'incontro di Nuova Salvambiente

2' di lettura 25/11/2023 - Successo dell’evento che si è tenuto ieri, venerdì 24 novembre a Casette Verdini (Pollenza) presso i locali della Parrocchia Santa Famiglia, organizzato dalla Nuova Salvambiente con tema ‘Digestore al Co.sma.ri cosa si nasconde dietro l’illusione del progresso” tanta la partecipazione di cittadini oltre 150 i presenti.

Nonostante la partecipazione dei cittadini sia stata al di sopra delle aspettative, ci rammarichiamo del fatto che di tutti gli amministratori della Provincia invitati, soltanto in pochi hanno compreso l’importanza di questo incontro informativo. Erano presenti: il Sindaco di Pollenza, alcuni consiglieri del Comune di Macerata e del Comune di Corridonia.

L’incontro è stato introdotto dal presidente Emanuele Acciarresi che ha fatto un breve resoconto della storia dell’associazione, nata dalla volontà dei cittadini del luogo che chiedevano a gran voce lo spegnimento del camino del Co.sma.ri, obiettivo poi raggiunto nel 2013. Ha preso poi la parola il relatore ing. Sandro Bisonni che ha esposto in modo dettagliato e preciso il progetto depositato in Provincia, mostrando i dati oggettivi riportati nello stesso: ci saranno due nuovi punti di emissione dei cattivi odori e emissioni di inquinanti. Sono stati analizzati i rischi legati all’incendio e all’esplosione e sottolineato che l’impianto, avrà una potenzialità pari a 70.000 tonnellate/anno eccedente il fabbisogno medio della Provincia che si stima in 50.000 tonnellate/anno e che il costo totale sarà 60 milioni di euro.

Il consigliere provinciale Narciso Ricotta ha sottolineato il sovradimensionamento degli impianti a livello regionale, e che recentemente la provincia di Macerata ha stipulato un accordo con quella di Fermo per cedere parte dell’umido prodotto dal nostro territorio. Il sindaco di Pollenza Mauro Romoli, ha dichiarato di essere contrario all’ingresso del privato nel progetto. Dal pubblico sono state numerose le domande e gli interventi sia di carattere tecnico che sulla linea da tenere affinché il digestore non venga realizzato. I cittadini hanno anche chiesto, quali siano le alternative proposte dall’associazione e il relatore ha spiegato che basterebbe migliorare l’impianto esistente (che produce compost) e realizzare una vera economia circolare utilizzando la materia nel rispetto di quanto previsto dalla direttiva europea in tema di rifiuti; infine ha sottolineato inoltre l’importanza della partecipazione attiva della popolazione.

In chiusura l’associazione ha invitato i presenti ai prossimi eventi che vedranno la partecipazione di esperti, medici e portavoce di altri comitati dove i digestori sono purtroppo già una realtà. Tanti dei presenti hanno lasciato il proprio recapito all’associazione per rimanere informati e partecipare attivamente alle attività future che saranno proposte.


   

Da Associazione Nuova Salvambiente







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-11-2023 alle 11:33 sul giornale del 27 novembre 2023 - 42 letture

All'articolo ? associato un evento

In questo articolo si parla di politica, Associazione Nuova Salvambiente, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/eD0X





logoEV
logoEV
qrcode