contatore accessi free

Carancini: "Parcaroli svende lo Sferisterio all’amichettismo ed agli intrallazzi della politica romana"

5' di lettura 24/02/2024 - Il Sindaco di Macerata sta svendendo lo Sferisterio e la storia del Macerata Opera Festival all’amichettismo ed agli intrallazzi della politica romana.

Lui non ha capito - e questo non mi sorprende più - che il simbolo culturale, sociale, storico, turistico-economico di questa città sarà nelle mani del Ministro o Sottosegretario di turno i quali, attraverso la nomina di un componente nel Consiglio di Amministrazione dell’Associazione Sferisterio, condizioneranno inevitabilmente le scelte sotto ogni profilo della programmazione. Il direttore artistico, i direttori di orchestra, gli artisti, le strutture di comunicazione, i contratti di lavoro, l’organo di revisione e controllo della stagione saranno individuati sotto il “ricatto economico” e sotto l’egida delle convenienze romane, spalleggiate localmente, fatte di amici e amici degli amici che faranno il bello e il brutto tempo, influenzando la programmazione artistica e professionale a scapito della qualità, della sperimentazione, del territorio.

E bene fa Irene Manzi a denunciare e a battersi contro questo sfregio alla storia e alla dignità della straordinaria esperienza del Macerata Opera Festival proponendo la cancellazione della scandalosa previsione che subordina il contributo statale annuo di 500.000 euro alla nomina di un rappresentante del Ministero nell’organo direttivo dello Sferisterio, cosa che - va ricordato ai maceratesi - non accade per nessun altro teatro di tradizione in Italia. Mi chiedo dove siano le voci della città in questo delicato passaggio e mi rifiuto di credere che alcuni pezzi di maggioranza politica condividano questa scelta. Invece di esultare il Sindaco di Macerata, assieme al suo assessore alla cultura, dovrebbero raccontare bene quale sia stato fin qui il loro percorso rispetto al MOF: cacciato il Sovrintendente Luciano Messi ora al Regio di Parma, scelta disgraziata nel merito e nel modo con cui è stato mortificato un professionista, per di più maceratese, che aveva contribuito a rilanciare una stagione divenuta modello di sperimentazione e successo artistico in Europa e per di più con bilanci in attivo per 10 anni.

E poi due direttori artistici in due anni, senza qui soffermarsi sulla superficialità con cui si è scelto Paolo Pinamonti, come si è scoperto dopo. E poi ancora bilanci in rosso, pesantemente in rosso, nel 2022 e nel 2023 (la stagione del 2021 era integralmente programmata in precedenza) che hanno consumato anche un “tesoretto” che la governance precedente aveva lasciato a chi sarebbe arrivato dopo. A questo proposito, per dovere di trasparenza, andrebbe detto che le conferenze stampa sui risultati economici della stagione si fanno anche quando le cose non vanno bene. Ma chi è la stratega di questa operazione contro la nostra città con la complice incapacità del Sindaco di Macerata il quale, come se non bastasse, è anche il Presidente della Provincia? Giorgia Latini è davvero così attenta allo Sferisterio? Parrebbe di no, visti gli ultimi passaggi inequivocabili. Non basta infatti la norma che inserisce nel CdA dello Sferisterio un componente nominato dal Ministero della cultura altrimenti il governo non finanzierà il Macerata Opera Festival. Adesso tocca alla risoluzione presentata in Commissione cultura con la quale l’ex assessora regionale ha richiesto per i teatri della regione la qualifica di «Teatri Storici delle Marche» con decreto del Ministro della cultura. Ma lo Sferisterio? Non pervenuto.

E dunque, dopo la vergognosa esclusione del monumento simbolo di Macerata dalla candidatura regionale a Patrimonio Mondiale dell’UNESCO - sempre ad opera di Giorgia Latini nel corso della sua breve e “indimenticabile” permanenza in giunta Acquaroli - a quanto pare la filiera delle destre continua a perdersi qualche pezzo per strada. È evidente che il riconoscimento della qualifica di «Teatri Storici delle Marche» potrebbe costituire un efficace brand regionale, dunque un valore aggiunto diffuso sul territorio, ma anche, a ricaduta, sui singoli comuni coinvolti a favore delle attività e delle bellezze che essi propongono. Anche qui, però, il sindaco di Macerata Sandro Parcaroli è distratto o inconsapevole, di certo incapace di difendere la città che amministra e indifferente a chi, come la Lega, è divenuta padrone a casa d’altri.

Nella proposta della Latini, infatti, lo Sferisterio non appare, sebbene la sua offerta artistica, culturale e storica conosciuta in tutto il mondo, avrebbe il sacrosanto diritto di godere dello stesso vantaggio degli altri teatri storici marchigiani, se non addirittura esserne il traino considerata la sua fama, in un’ottica di rete e di sviluppo integrato, per una promozione corale e allo stesso tempo diversificata. Su questa seconda iniziativa della On. Giorgia Latini nei giorni scorsi, ho presentato insieme a tutto il gruppo PD Marche un’interrogazione alla giunta Acquaroli per avere chiarimenti sulla proposta dell’ex assessora alla cultura della Regione Marche per il riconoscimento della qualifica di «Teatri Storici delle Marche» sia stata condivisa con la Regione e con i Sindaci dei territori ma, soprattutto, per capire perché lo Sferisterio, teatro storico sin dal 1868 come da Censimento ministeriale, non sia compreso nell’elenco. Siamo ancora in tempo per porre rimedio alla sciagurata legge che condiziona il contributo di 500.000 euro alla presenza nel CdA dello Sferisterio di un rappresentante del Ministero della cultura; siamo anche nella condizione di inserire lo Sferisterio nell’ambito della qualifica dei «Teatri Storici delle Marche». Ma occorre volerlo politicamente per far valere le ragioni di una cultura libera senza bandiere e che lasci al territorio il diritto di governarla. Chissà se il sindaco Parcaroli e le Istituzioni maceratesi hanno la stessa volontà.


   

da Romano Carancini
Consigliere regionale PD





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-02-2024 alle 14:40 sul giornale del 26 febbraio 2024 - 76 letture

In questo articolo si parla di politica, macerata, Romano Carancini, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/eRa6





qrcode