contatore accessi free

"Intitolare un luogo pubblico di Macerata a Sergio Ramelli"

4' di lettura 23/04/2024 - Un ordine del giorno per intitolare un luogo pubblico di Macerata a Sergio Ramelli, una delle vittime degli Anni di Piombo nel periodo compreso tra gli anni Sessanta e Ottanta contraddistinto da un estremismo politico che produsse violenze di piazza, lotta armata e terrorismo.

Lo ha presentato, in nome di una "riconciliazione collettiva" “che accomuni in un’unica pietà tutte le vittime innocenti e come monito alle generazioni future” il consigliere di Fratelli d’Italia Andrea Blarasin e sarà discusso nella seduta del Consiglio comunale del prossimo 29 aprile, esattamente nel giorno dell’anniversario numero 49 della morte di Sergio Ramelli, un diciottenne che il 13 marzo del 1975 fu aggredito a colpi di chiavi inglese (hazet 36) da un commando di Avanguardia Operaia, gruppo di estrema sinistra.

«Sergio Ramelli - si legge nel documento sottoscritto anche da tutto il gruppo Fratelli d’Italia e da altri consiglieri di maggioranza - era un ragazzo come tanti altri, che viveva i suoi 18 anni diviso tra lo studio, la passione per il calcio (giocava nelle squadre del suo quartiere), la fidanzata e la militanza politica nel Fronte della Gioventù. Frequentava l’Istituto tecnico Molinari di Milano, quando fu bollato con il marchio di “fascista” solo per aver scritto un tema in classe in cui biasimava gli omicidi delle Brigate Rosse. Erano gli anni Settanta, gli anni in cui vigeva la barbara legge dell’ “antifascismo militante” in base alla quale chiunque non professasse idee comuniste era considerato un nemico da colpire e, possibilmente, da abbattere. Fu così che Sergio dovette subire un “processo popolare” nella sua scuola, indifeso dai professori, dal preside, dai suoi stessi compagni. Fu così che venne aggredito più volte ed espulso dall’Istituto senza che le autorità scolastiche e la stampa si opponessero a questa che era ormai solo una delle tante, troppe violenze perpetrate dall’estremismo politico. Sergio Ramelli fu costretto a cambiare scuola, ma non volle tradire i suoi amici e le sue idee continuando a frequentare il Fronte della Gioventù, l’organizzazione giovanile del MSI. Questa sua semplice coerenza, questo suo giovanile coraggio gli valsero la condanna a morte. Identificato, minacciato, inseguito, poi aggredito in un bar, insieme al fratello e, infine, atteso sotto casa, il 13 marzo 1975. Per colpirlo si era mosso un commando di 8 persone che neppure lo conoscevano e che utilizzarono una foto “segnaletica” scattata da un suo compagno di classe. Lo aggredirono mentre legava il motorino e gli sfondarono il cranio a colpi di chiave inglese. Per quel giovane martire, rimasto vittima di una violenza assurda e sconvolgente, non fu però neppure possibile celebrare un dignitoso funerale. Il ricatto della violenza rossa e la viltà delle autorità politiche arrivarono persino a proibire il corteo funebre».

La vicenda giudiziaria ricordata da Andrea Blarasin: «Fu solo per caso che, dieci anni dopo, nel corso di un processo a Prima Linea, saltò fuori un gruppo di pentiti che accusarono il servizio d’ordine di Avanguardia Operaia di aver assassinato Sergio Ramelli. Solo così, uno dopo l’altro, saltarono fuori i nomi dei responsabili e, tra essi, anche quelli di esponenti politici “di spicco” di Democrazia proletaria. Tutti furono arrestati e confessarono. Poco per volta l’opinione pubblica riuscì, però, a comprendere che quelli non erano stati anni “formidabili”, come li aveva descritti Capanna, ma un’autentica tragedia nazionale il cui terribile bilancio (in termini di morti e di degrado sociale) ha pesato sulle generazioni successive e ancora gravemente incide sulla vita di noi tutti».

A distanza di tanti anni da quell’omicidio 34 città italiane hanno ufficialmente incluso nella loro toponomastica il nome di Sergio Ramelli, Ascoli e Civitanova tra le più recenti nelle Marche. Quasi tutte le delibere che hanno accompagnato le intitolazioni da parte di amministrazioni comunali di ogni colore politico (anche di centro-sinistra, come a Verona o a Modena) hanno riportato la motivazione che fu scritta dal compianto on. Nicola Pasetto: «In nome di una pacificazione nazionale che accomuni in un’unica pietà i morti di un periodo oscuro della nostra storia e come monito alle generazioni future affinché simili fatti non debbano più accadere».

Ora Andrea Blarasin e il gruppo comunale di Fdi, vista la prossima ricorrenza del cinquantesimo anniversario della morte di Sergio Ramelli, invita l’amministrazione comunale «ad avviare l’iter per l’intitolazione di una via o strada o largo, o piazza o piazzale o parco o giardino della Città di Macerata alla memoria di Sergio Ramelli».


   

da Andrea Blarasin
Consigliere comunale Macerata





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-04-2024 alle 12:21 sul giornale del 24 aprile 2024 - 52 letture

In questo articolo si parla di politica, macerata, andrea blarasin, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/eZZB





qrcode